Sedotta e... abbandonata

Le ha dimostrato interesse in tutti i modi, l'ha baciata e fatta innamorare. Poi ha cercato di allontanarla, dando poco peso a quel legame. Che fare?

Cara Maya,

8 mesi fa ho conosciuto questo ragazzo, è entrato nella cerchia dei miei amici e ci siamo subito trovati in sintonia. Per me è scattato subito qualcosa in più, tutti se ne sono accorti e ci facevano battutine, anche perché sembrava ci fosse qualcosa anche da parte sua, si notava, ma sono stati mesi di dubbi, non si capiva cosa volesse, non ne abbiamo mai parlato, attimi che pensavo di trovare un lieto fine e attimi in cui la soluzione mi sembrava solo arrendersi perché non si sbloccava nulla.

Lui è timido e io forse anche più di lui, sono stati mesi di sguardi e attimi ma silenzio sull'argomento. Quando decido di allontanarmi, i miei amici mi rivelano che lui si scopre un po' geloso e nervoso per il fatto che non lo considero più come prima, e che si interroga su di noi.

Dopo un mese di lontananza a causa di impegni universitari, ci vediamo e mi bacia. Sono al settimo cielo, mi sembra tutto una favola, sono attimi davvero perfetti e penso che finalmente sia arrivato il lieto fine, che in realtà sarebbe stata una bellissima partenza. Il giorno dopo non fa cenno a ciò che è successo, anche se trascorre tutta la giornata con me, a fine serata mi faccio tanto coraggio, supero la mia immensa timidezza e gli chiedo chiaramente di parlare almeno un po' di cosa era successo.

Seguono attimi tremendi e tutto mi crolla addosso, mi dice che ciò che è successo andava fatto ed è stato bello ma per lui era una cosa che rimaneva ferma a quella sera lì. Si sforza di essere chiaro e allo stesso tempo non troppo brutale ma in realtà le sue parole mi ammazzano, sono sconvolta. Mi fa capire che il suo interesse non è al 100%, io rispondo a monosillabi e cerco di contrastare ma non ha senso.

Era perfetto per me, e il fatto di avermi portata al settimo cielo per poi scaraventarmi giù in quel modo è stato tremendo. Ho vissuto per mesi con la speranza (che lui aumentava con i suoi atteggiamenti) di riuscire a far nascere qualcosa e ora mi ritrovo a dovermi rassegnare veramente. Era chiaro a tutti e soprattutto a me che c'era qualcosa di bello tra di noi e che saremmo stati fatti l'uno per l'altra. D'altronde non credo di essermi immaginata tutto quello che avevo notato: mi ha sempre riempita di attenzioni, ha sempre riso anche alle mie peggiori battute, lo trovavo spesso a guardarmi di nascosto per poi abbassare lo sguardo, mi ascolta tantissimo e si ricorda tutto quello che dico. E ho potuto constatare che non fa così con tutte le sue amiche. Eppure mi ha fatto intendere che sono solo un'amica. Ma perché baciarmi? Perché tenermi per mano tutta la sera? Non capisco.

Questa è la mia ennesima batosta e sono ormai convinta che non piacerò mai realmente a qualcuno per tutta me stessa. Sono molto demoralizzata e so che pian piano ne uscirò, ma so che nel frattempo passerò periodi terribili. Non ne ho la forza, passare da attimi bellissimi alla fine di tutto è stato spiazzante. Non mi capita spesso di conoscere ragazzi e uscirci, poiché ad esempio mi rifiuto di conoscere gente online con cui non ho mai parlato prima di persona, vorrei un amore che nascesse spontaneamente, ma al giorno d'oggi è difficile uscire e non incontrare gente impegnata solamente sui propri telefoni.

Mentre le mie coetanee passano da un ragazzo all'altro, io mi ritrovo a temere di rimanere sola per sempre, nonostante quasi tutti i miei conoscenti mi apprezzino sia fisicamente che caratterialmente. Per due mesi non vedrò il ragazzo in questione e forse mi risolleverò un po', ma so che quando riprenderò a vederlo (poiché costretta) quasi ogni giorno, sarà di nuovo una sofferenza assurda.

Non riesco a rassegnarmi perché credevo davvero in noi. E credo di essere innamorata, visto che sto soffrendo molto nonostante non fosse di certo la fine di una lunga relazione. A volte, anche in base a quello che dicono i miei amici al riguardo, penso che non dovrei arrendermi, è da mesi che non mi arrendo, ma poi ripenso alle sue parole e cambio idea. Non avrei mai nemmeno il coraggio di confidargli cosa provo davvero per lui, potrei rovinare i rapporti di un intero gruppo inutilmente. Da anima a pezzi quale sono, chiedo opinioni e consigli.

Rosa

Cara Rosa,

proviamo a ricostruire insieme i pezzi della tua anima: li raccogliamo, li guardiamo a fondo, mettiamo la colla in quelli che si sono rotti, e li disponiamo nella posizione che ti farà stare bene. In questo momento ci sono parti della tua storia che non si incastrano perfettamente. Le ipotesi sono due: si trovano semplicemente nella posizione sbagliata. Oppure è necessario sostituirle perché per sbaglio si sono ritrovate in una cornice che non era quella giusta.

I segnali che hai colto sono inequivocabili: questo ragazzo prova qualcosa per te. La timidezza, di certo, non è un’alleata in situazioni come questa. Può portare due passeggeri che vogliono andare nella stessa direzione a viaggiare su binari che – seppure paralleli - non si incontreranno mai. La gelosia è un primo sintomo di interesse e, di solito, ciò che fa scattare la molla in testa a molti uomini è il non sentirsi più considerati da un giorno all’altro. È come se a quel punto una parte del loro cervello che stava bellamente riposando, si rendesse conto che non c’è più nessuno a dar loro la buonanotte. E allora suona la sveglia e capiscono che devono far qualcosa. A questo punto l’effetto è un po’ come quando ti svegliano di soppiatto nel cuore della notte e ti chiedono di far qualcosa: la lucidità non è mai al 100%. Ma un bacio significa sempre qualcosa, anche quando non sei lucido. E le amiche non si baciano.

Puoi ancora vivere la tua favola, Rosa. Quello che serve, a partire da ora, è cominciare a scriverla. Per farlo, non ti serviranno fatine che trasformino la zucca in carrozza o ti diano un vestito da principessa. Tu non hai bisogno di essere salvata, ma solo di capire quale sarà l’incipit della tua storia. Si può tornare al settimo piano del cielo e ritrovarsi insieme a guardare il mondo da una nuvola. Per farlo, dato che il tuo cavaliere non ha avuto il coraggio di indossare per bene l’armatura, ma si è messo solo lo scudo, dovrai essere tu a lottare. Forse servirà un altro bacio per trasformare in principe colui che è rimasto ancora un po’ ranocchio.

Non lasciarti abbattere. Io sono esattamente come te. E, come te, non vado alla ricerca dell’amore sui siti di incontri. Al massimo, lì ci trovo qualche strano tipo che mi fa fare due risate e aumenta la mia autostima. E sì, sono d’accordo con te: le cose più belle che ci capitano, sono quelle che nascono in modo del tutto spontaneo. Come quei fiori che vediamo spuntare dai blocchi di cemento. Se senti ancora un po’ di speranza in fondo al cuore, tira fuori tutta la forza che hai dentro (e sarà tantissima perché sei una donna e sei progettata per dare alla luce altre vite) e prenditi quello che desideri. Non rovinerai niente, toglierei i sassolini che sono rimasti incastrati in mezzo al tuo cuore e riuscirai a mettere tutti i pezzi al posto giusto.

Non aver paura: una porta chiusa definitivamente è meglio di uno spiraglio lasciato aperto, ma con il rischio che dall’altra parte non ci sia più nessuno ad aspettare. Sei di sicuro una persona bellissima, Rosa, perché dalle parole si capisce tanto. Le batoste passano e anche gli amori sbagliati, piano piano, vanno via. Se questo non dovesse essere quello giusto, vai avanti e fidati di me: quello che quando ti bacerà per la prima volta non vorrà più lasciarti andare, arriverà quando meno te l’aspetti.

Ti abbraccio fortissimo,

Maya

Hai una domanda per Maya? Scrivi a postadelcuore@deabyday.tv

Foto: Michael Gray - 123rf.com 

Maya risponde...

SEGUICI