Come si manifesta la sifilide

Guida Guida

La sifilide è una malattia a trasmissione sessuale che si manifesta principalmente tramite particolari lesioni cutanee. Ecco come riconoscere la sintomatologia e come intervenire. 

La sifilide è una malattia a trasmissione sessuale che si manifesta principalmente tramite particolari lesioni cutanee. Ecco come riconoscere la sintomatologia e come intervenire. 

La sifilide è una malattia infettiva e sessualmente trasmissibile nota anche come lue, mal francese o morbo celtico. Negli ultimi anni si è riscontrato un aumento della sua diffusione, tanto che attualmente si stima che nel mondo oltre 5 milioni di persone contraggano ogni anno quest’infezione.

Questa malattia è provocata dal batterio Treponema pallidum e, a seconda della gravità della sintomatologia, viene classificata in tre tipologie diverse (primaria, secondaria e terziaria).

Sifilide: i sintomi

I sintomi variano a seconda della gravità della malattia e del tempo trascorso dal contagio. La fase primaria ha un periodo di incubazione di circa 3-4 settimane. I primi giorni la sifilide è asintomatica, ma trascorso tale lasso di tempo iniziano a comparire sul corpo alcune lesioni.

Ecco allora che si manifestano delle ferite tonde (sifilomi) che interessano principalmente la zona genitale, l’ano e la cavità orale. Sul glande, inoltre, possono comparire anche delle macchie rosse.

Qualora non si intervenga tempestivamente, subentra la seconda fase della malattia durante la quale sopraggiungono anche anomale eruzioni cutanee e screpolature principalmente su mani, piedi e tronco.

La fase terziaria (che è la più grave e la più rara) può implicare, infine, anche gravi disturbi neurologici, ossei o cardiologici a distanza di mesi.

Sifilide: trasmissione e diagnosi

La sifilide si trasmette tramite il contatto diretto con i sifilomi, tramite rapporti sessuali non protetti (anche sesso orale) o durante il parto.

Per diagnosticare l’eventuale presenza del batterio è sufficiente rivolgersi al proprio medico di fiducia che prescriverà dei test seriologici e di laboratorio specifici.

sifilide

Foto: Kateryna Kon © 123RF.com

Sifilide: cura e prevenzione

Questa malattia infettiva guarisce con una cura antibiotica mirata. È importante, però, essere certi di aver debellato l’infezione completamente prima di sospendere l’assunzione dei farmaci.

Onde evitare che la malattia possa diffondersi ulteriormente, in caso di accertato contagio, è importante avvisare il partner con il quale si hanno avuto rapporti sessuali non protetti.

Infine, per prevenire ricadute o ulteriori episodi infettivi, è fondamentale utilizzare correttamente il preservativo per l’intera durata del rapporto.

Foto apertura: Siriluk Kongkead © 123RF.com

Salute e benessere
SEGUICI