Medicina ayurvedica: cos'è e come funziona

Guida Guida

La medicina ayurvedica è finalizzata ad allungare e migliorare la vita della persona in armonia con la natura. Ecco come funziona. 

La medicina ayurvedica è finalizzata ad allungare e migliorare la vita della persona in armonia con la natura. Ecco come funziona. 

La medicina ayurvedica coniuga prevenzione e cura per allungare e migliorare la vita e il benessere dell’individuo in armonia con la natura.

Il termine ayurveda (“conoscenza per la lunga vita”) deriva dal sanscrito ed è composto da ayur (“longevità”) e veda (“conoscenza rivelata”). Secondo questa disciplina, quindi, l’uomo è costituito da corpo, mente, sensi e anima ed è parte integrante della natura.

Le origini della medicina ayurvedica

Le origini della medicina ayurvedica sono antichissime: se ne trovano tracce in antichi testi indiani risalenti a 5000 anni fa e le testimonianze più consistenti risalgono al 1500 a.C. Attualmente, inoltre, questa disciplina viene praticata in India, ma anche in altre parti dell’Asia, in Europa e negli Stati Uniti.
 

I precetti della medicina ayurvedica

Per la medicina ayurvedica l’equilibrio tra l’individuo e l’ambiente determina la salute, mentre lo squilibrio porta alla malattia. Il prana è l’energia vitale e l’entità fisica si caratterizza per un habitus determinato da tre elementi (dosha). Questi ultimi sono l’aria (vata), il fuoco (pitta) e la terra/acqua (kapha). Dal momento che in ciascun essere umano queste forze sono presenti in combinazioni diverse, anche i rimedi ayurvedici hanno preparazioni differenti.

 

Foto espies / 123RF Archivio Fotografico

A cosa serve la medicina ayurvedica

Questo tipo di medicina ricorre a preparati farmaceutici di origine animale e vegetale, ma anche a provvedimenti dietetici e comportamentali, unitamente alla meditazione, allo yoga e a un particolare tipo di massaggio (detto appunto “ayurvedico”).

I suoi scopi principali sono: prevenire le malattie, preservare la salute dell’individuo e favorirne la longevità. Per determinare il disequilibrio degli stadi iniziali del soggetto, il medico ayurvedico effettua la palpazione del polso ed evidenzia la sintomatologia presente.

Questo tipo di valutazione permette anche di intervenire preventivamente sull’insorgere di situazioni potenzialmente critiche, modificando abitudini di vita e alimentari e ristabilendo l'equilibrio psicofisico dell’individuo.

Proprio per questo, la medicina ayurvedica e i rimedi ad essa associati siono volti a migliorare la qualità della vita dell’essere umano attraverso il rilassamento, la respirazione, l’alimentazione, il benessere psicofisico e la ricerca della pace interiore.

Foto gilitukha / 123RF Archivio Fotografico

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI