Tutto sullo psoas, il "muscolo della felicità"

Guida Guida

Stress, bassa autostima e scarsa sicurezza possono dipendere anche da uno psoas poco allenato: ecco come stimolarlo.

Stress, bassa autostima e scarsa sicurezza possono dipendere anche da uno psoas poco allenato: ecco come stimolarlo.

Non solo addominali, bicipiti e quadricipiti: secondo gli esperti anche la felicità ha un suo muscolo “dedicato” che, se allenato adeguatamente, aiuta a risollevare l’umore e ad aumentare l’autostima.

Si chiama “psoas” (scientificamente “ileopsoas”) e nello yoga è identificato anche come “il muscolo dell’anima": si tratta di un muscolo di circa 40 centimetri presente all’interno dell’anca che unisce il tronco alle gambe, difficile da individuare e vedere ma molto importante soprattutto per quanto riguarda la colonna vertebrale, la schiena e in generale la postura.

Allenarlo, spiegano gli esperti, stimola il ricambio energetico e influisce sul portamento donando una postura eretta e una camminata fluida e decisa, che a livello mentale influisce anche sulla sicurezza in se stessi, incentivando anche un atteggiamento più positivo nei confronti degli altri e abbassando i livelli di stress (visto che influisce anche sul buon funzionamento del diaframma, il muscolo che serve per respirare).

Come allenare lo psoas

Uno psoas troppo rigido o poco allenato, insomma, non soltanto dona una postura rigida e blocchi muscolari, ma condiziona l’umore affossando l’autostima e le riserve di coraggio e intraprendenza. Per allenarlo, l’ideale sono esercizi di allungamento e ginnastica dolce che coinvolgono anche il diaframma (e dunque la respirazione).

Ottimi, dunque, estensioni dell’anca e della parte superiore delle cosce, sopratutto nella zona dell’anca, bene le lunghe camminate che “sciolgono” lo psoas rendendolo meno contratto. Attenzione, però, a non stimolarlo troppo per evitare di incorrere in lombalgie o stiramenti muscolari: acerrimi nemici dello psoas sono le lunghe ore seduti davanti al computer, il sovrappeso e i pantaloni troppo stretti.

Foto: Luis Molinero Martnez - 123rf.com

Sport e fitness
SEGUICI